Pod Mod: cosa sono e qual è la migliore per smettere di fumare

Pod Mod: cosa sono e qual è la migliore per smettere di fumare

Le pod mod sono un tipo di sigaretta elettronica dal design compatto. Ecco come funzionano e quali sono le migliori per smettere di fumare.

Le pod mod sono un tipo di sigaretta elettronica dal design compatto. Si tratta di e-cig comode, piccole e pratiche. Nonostante le loro dimensioni contenute, riescono a garantire prestazioni davvero performanti. Molti vapers, anche più esperti, hanno optato per le sigarette elettroniche pod mod. Scopriamo cosa sono e qual è la migliore pod mod per aiutarvi a smettere di fumare o almeno diminuire il consumo di sigarette tradizionali.

Cosa sono le pod mod

“Pod mod: cos’è?” Questa è la prima domanda a cui dobbiamo rispondere. Le pod mod sono sigarette elettroniche così compatte da poter essere portate comodamente anche in una tasca.

Nonostante le sigarette elettroniche pod mod abbiano dimensioni contenute, garantiscono comunque un’ottima autonomia ed eccellenti prestazioni. Infatti, anno dopo anno, stanno riscuotendo sempre maggiore successo sul mercato. Sono comode, pratiche e non è richiesta una particolare manutenzione da parte del vaper. Per questo motivo sono spesso scelte da chi si approccia per la prima volta al mondo delle sigarette elettroniche per smettere di fumare. La loro praticità di utilizzo, tuttavia, le rende molto amate anche dai vaper più esperti.

Come suggerisce il nome, le pod mod sono composte da due elementi principali: il pod (la testa) e il mod (la batteria). La testa (pod) include anche un serbatoio, all’interno del quale è contenuto il liquido aromatico. Le pod mod possono essere di due tipi: a sistema chiuso o ricaricabili. Le prime (come ad esempio la nostra myblu®) sono le più comode, perché hanno il liquido aromatico pre-caricato all’interno della testina stessa. In alternativa, esistono in commercio anche delle versioni ricaricabili.

Anche le batterie (mod) sono di due tipi. Esiste infatti sia un tipo di pod mod automatica (che si attiva durante losvapo), sia un tipo di mod pod che presenta l’attivazione tramite pulsante.

Come e quando nascono le pod mod

Le sigarette elettroniche pod mod nascono nel 2015, quindi relativamente di recente. La ricerca di un prodotto sempre più performante, a supporto dei fumatori che cercavano di abbandonare le bionde tradizionali, ha portato molte aziende a sviluppare ecig più compatte. Queste sigarette elettroniche possono avere diverse forme, ma molte sono famose per la loro somiglianza a delle chiavette USB.

Le sigarette elettroniche pod mod nascono con un intento chiaro: quello di offrire ai vapers una soluzione meno ingombrante. Risulta infatti più comoda rispetto alla maggior parte delle sigarette elettroniche tradizionali: tascabile e dal design accattivante.

Va detto, però, che la miglior pod mod non è solo quella più pratica ed elegante, ma anche quella che monta una batteria sufficientemente potente da assicurare una ricarica rapida, un’ottima autonomia e una capacità di tiro più che soddisfacente.

Chi si approccia al mondo delle sigarette elettroniche per smettere di fumare, infatti, troverà nelle pod mod un valido alleato. Con queste ecig non si deve pensare ad aspetti troppo tecnici, come rigenerare una coil e che wick usare, e si può avere un dispositivo sempre pronto all’uso, spesso con un liquido aromatico precaricato.

Come funzionano le pod mod

Esistono pod mod di diversi tipi e design differenti, ma il loro funzionamento è pressoché simile in quasi tutti i modelli che, come abbiamo visto, sono composti da due elementi: pod e mod.

La batteria rappresenta uno dei punti chiave del funzionamento di una sigaretta pod mod. L’energia generata dalla batteria scalda l’atomizzatore contenuto all’interno della testina. Questa, a sua volta, fa evaporare il liquido aromatico, permettendo lo svapo.

Resistenza e carica elettrica sono due caratteristiche molto importanti per capire quali siano i pod mod migliori per le proprie esigenze. La carica elettrica si misura in ampere-ora (nel caso delle batterie per e-cig, si tratta di milliampere-ora). La resistenza, invece, si misura tramite gli ohm.

Un altro aspetto da tenere a mente nella scelta dei migliori pod mod è valutare se la sigaretta elettronica sia automatica o no. Le pod mod, infatti, possono essere attivate direttamente dallo svapo o tramite un bottone. La pod mod automatica consente di essere utilizzata al bisogno, senza dover premere alcun pulsante. Da questo punto di vista, la migliore pod mod automatica è quella che garantisce un minore tempo di reazione. Le pod mod non automatiche, invece, possono essere attivate con pulsante. Da valutare, quindi, con attenzione, la posizione dello stesso: a volte può essere scomodo e non facilmente raggiungibile.

Che liquido usare con le pod mod?

Alla domanda “che liquidi usare su pod mod?” non si può che rispondere che dipende dalle preferenze. Ogni pod mod, infatti, ha un set di liquidi aromatici tra cui scegliere.

Ogni marca offre un range di gusti più o meno ampio: i liquidi sono spesso pre-caricati all’interno della testina e non possono essere manomessi. Le case produttrici, comunque, assicurano di solito un ventaglio di scelte adatto a tutti: dai gusti tradizionali e tabaccosi a quelli più freschi e fruttati. I Liquidpods di myblu®, per esempio, sono disponibili in ben 16 aromi in grado di andare in contro alle esigenze di ognuno: dall’Intense Tobacco al Mango.

Pregi e difetti della sigaretta elettronica pod mod: a chi è adatta?

La sigaretta elettronica pod mod si è imposta sul mercato come l’alternativa ideale per chi decide di smettere di fumare e non sa bene da quale parte cominciare. Ed, in effetti, presenta moltissimi vantaggi immediati. Il dispositivo pod mod è davvero molto pratico e comodo. Non si deve essere esperti di sigarette elettroniche e non si deve fare altro che accenderlo e svapare.

Un pregio imbattibile, per chi inizia, è rappresentato proprio dalla sua facilità d’uso. In particolare riguardo l’e-liquid. Una volta che un liquido finisce, infatti, basta sostituire l’intera cartuccia senza doversi prestare a fastidiosi e potenzialmente pericolosi travasi di liquido. Inoltre, se si vuole cambiare l’aroma, è possibile sostituire la cartuccia per provare un nuovo gusto.

Di contro, praticità e facilità d’uso, bisogna considerare che la pod mod non è adatta ai vapers che ricercano una personalizzazione estrema della propria sigaretta elettronica. C’è chi, infatti, prendendo confidenza con le e-cig a sistema aperto, si diverte a scegliere i singoli componenti del proprio dispositivo. Dal tipo di filo resistivo che compone la coil, al tipo e al numero di spire della coil stessa. Dal tipo di wick, mesh e stoppino da inserire e così via. Il fai da te per le sigarette elettroniche a sistema aperto con atom rigenerabili è davvero un universo a parte. È meno pratico e bisogna prestare maggiore attenzione perché la customizzazione avviene comunque a proprio rischio e pericolo.

I vantaggi di myblu®

Abbiamo visto cosa sono le pod mod e quali sono pregi e difetti di questo tipo di e-cig in generale. Ma cosa possiamo dire in particolare dei vantaggi di myblu®?

La sigaretta elettronica blu® è molto amata per una serie di plus tecnici e funzionali, ma anche per la varietà di gusti e accessori. Vediamone alcuni. In questo articolo abbiamo visto che, per valutare la migliore esperienza di vaping, il valore della carica elettrica dev’essere alto mentre quello della resistenza basso. Da questo punto di vista, una tra le miglior podmod per smettere di fumare o almeno per diminuire l’uso di sigarette tradizionali è proprio la nostra myblu® perché, con una batteria di 350 mAh, riesce a ricaricarsi in solo mezz’ora via USB e assicura un’ottima autonomia durante la giornata.

Oltre al design particolarmente compatto, elegante e pulito, un altro motivo per cui myblu® è considerata da molti la miglior pod mod automatica (specialmente per i neofiti) è che non ha bisogno di bottoni e pulsanti e lo svapo è attivato direttamente dalla boccata.

Inoltre, gli accessori disponibili, dalle charging station ai cavi USB, passando per le cover colorate, sono numerosi e tutti molto utili. In ultimo, ma non per importanza, myblu® può vantare una varietà di gusti davvero ampia e, di conseguenza, capace di soddisfare qualsiasi palato. I Liquidpods, infatti, sono disponibili in 16 varianti aromatiche e con tre diverse percentuali di nicotina. Inoltre, i Liquidpods si cambiano con un semplice clic, senza travasi, consentendo anche un rapido passaggio da un aroma all’altro.

Tutti questi motivi rendono il dispositivo myblu® uno dei miglior pod mod 2020. Vuoi conoscere le tabaccherie in Italia in cui poter trovare i prodotti dell’universo myblu®? Utilizza il nostro tool: inserisci il tuo indirizzo e scopri i punti vendita più vicini a te.