Manutenzione della batteria delle sigarette elettroniche

Una batteria perfettamente funzionante è fondamentale per qualsiasi esperienza di svapo. Se la batteria non funziona, non potrai usare la tua sigaretta elettronica, quindi è importante capire come utilizzare adeguatamente la batteria. Di seguito ti spieghiamo come prenderti cura della tua batteria al meglio.

Pulizia

Proprio come il bocchino e il cleromizzatore, anche le batterie devono essere pulite regolarmente se si vuole garantire il loro funzionamento corretto. Dato che la polvere e lo sporco possono annidarsi nella batteria con regolarità, soprattutto se quando sei in giro tieni la tua sigaretta elettronica in borsa o in tasca, la manutenzione diventa essenziale.

Da questo punto di vista, il terminale della batteria è la parte più importante in quanto è l'unica a risultare esposta. Ciò significa che se qualcosa entra attraverso questa porta sarà quasi impossibile farla uscire compromettendo le prestazioni della batteria.

La pulizia regolare del terminale assicura che, quando avviti la batteria al cleromizzatore, la polvere non venga spinta all'interno del dispositivo. Il modo migliore per pulire il terminale è con un cotton fioc che può essere usato per raccogliere delicatamente eventuali residui all'interno dell'imboccatura senza correre il rischio di danneggiare alcuna parte del dispositivo stesso.

Impugnando il cotton fioc come una matita, fai girare la punta intorno al terminale e raccogli l'eventuale sporco residuo. Assicurati di pulire completamente le pareti interne del terminale in quanto lo sporco può spesso rimanervi intrappolato quando la batteria viene riavvitata sul cleromizzatore.

Conservazione

Come suggerisce l'ultima sezione, uno dei modi migliori per garantire il corretto funzionamento della batteria è evitare che polvere o sporcizia entrino nel terminale. A questo scopo, uno dei metodi più semplici da seguire è conservare la batteria in modo corretto. Conservando la batteria in un posto sicuro, si diminuisce il rischio dell'accumulo di residui. Inoltre questo proteggerà la tua batteria da eventuali danni.

A casa, una soluzione semplice potrebbe essere quella di designare un cassetto particolare in cui custodirla evitando di lasciarla in giro, inoltre, alcuni svapatori utilizzano un bicchiere e ripongono la loro vape pen come se si trattasse di uno spazzolino da denti. Quando sei fuori casa, assicurati che la batteria non sia lasciata in fondo alla borsa o alla borsetta, poiché questo potrebbe causare danni. Prova a trovare uno scomparto o una tasca dove custodire separatamente la tua sigaretta elettronica.

Vale inoltre la pena fare notare che un altro accorgimento che contribuisce al funzionamento corretto della batteria è quello di non esporla alla luce del sole diretta e conservarla a temperatura ambiente.

Ricarica

Il peggior incubo di uno svapatore è quello di trovarsi fuori casa e rendersi conto che la sigaretta elettronica si è scaricata. Prima di qualsiasi uscita, vale sempre la pena assicurarsi che la batteria sia carica poiché lasciare che la batteria si esaurisca completamente troppo spesso può incidere sulle sue prestazioni.

Tuttavia, è altrettanto importante non caricare eccessivamente la batteria. Anche se può risultare comodo lasciare la sigaretta elettronica in carica tutta la notte, se ciò avviene troppo spesso, la batteria, alla lunga, potrebbe usurarsi. In genere, per la carica completa di una batteria sono necessarie da 1 a 3 ore.

Molte sigarette elettroniche indicano quando la carica è stata completata, ad esempio quando l'estremità inizia a lampeggiare o quando la spia sul caricatore USB diventa verde. Tenendo d'occhio questi indicatori puoi essere certo di non sovraccaricare la tua batteria e di non comprometterne le funzionalità.